« Seminario 2008, Seconda Sessione: Le “storie” di fronte alla “Storia” | Main | Seminario 2008, Quarta Sessione: Lo spettatore di fronte al film »

Comments

Dopo alcune settimane mi arriva questo commento del Prof. José María La Porte:

Una possibile chiave di lettura di Hero sarebbe esplorare analiticamente il rapporto tra le diverse parti del film e tutta la storia, i rapporti fra i particolari e il quadro narrativo generale. Da una parte ci sono le scene che offrono un’attenzione voluta sui particolari: i colori, le foglie che volano, i disegni delle parole in Cinese, le gocce di acqua (di pioggia), il sangue che inizia a uscire lentamente, una freccia che cade, la lentezza di alcuni modi di raccontare con una scelta particolare di parole e tipo linguaggio… D’altra arte abbiamo una realtà grandiosa e angosciante allo stesso tempo: migliaia di frecce che volano in aria, numerosissimi soldati, grandiosità del palazzo reale con centinaia di scalini, impressionanti gridi di condanna a morte da parte di una folla che vuole vendetta, ampi spazzi naturali dove i protagonisti sembrano piccoli burattini.

Sembra che la storia progredisce tra questi due poli, anche quando si analizzano i personaggi: un uomo insignificante in contrasto con un altro è signore di gran parte della Cina, un uomo che si sacrifica per uccidere l’Imperatore e dopo decide di non ucciderlo per servire all’unità del Impero e sconfiggere le guerre. Il personaggio principale liberamente diventa vittima passando da uno stremo all’altro, prima come uno che vuole uccidere il tirano per liberare il suo popolo e vendicarsi, dopo come uno che salva all’Imperatore e si lascia uccidere proprio per favorire l’unità e risparmiare al popolo le guerre intestine che ci sarebbero in futuro. L’Imperatore ha anche una certa ammirazione per il personaggio principale, che è riuscito ad ingannare tutti, perfino lui stesso. Ma sembra che l’Imperatore apparentemente si deve sottomettere alle voci che chiedono l’esecuzione di quello che ha tentato di ucciderlo, anche se non lo ha fatto liberamente, volutamente, avendo l’opportunità.

Il presunto criminale viene ucciso come se fossi un assassino, ma onorato dopo la morte come un eroe che si sacrifica (non può non sacrificarsi) per l’unità dell’Impero e la fine delle guerre clandestine. È come se l’individuo venisse sacrificato necessariamente, per di più volontariamente, per fare andare avanti la storia del suo popolo.

Ecco un altro commento su "Hero":


Carlos Jódar: Confesso che la mia prima impressione alla fine del film non aveva niente a che fare con disagi di alcun tipo. Ciò che prevaleva era il godimento di un bel spettacolo audiovisivo: colori, musica movimenti misurati, ieratismo esotico, il suono della lingua cinese… Tuttavia, quando nella discussione è venuta a galla l’esistenza di una certa seccatura riguardo alla storia da parte di più partecipanti, mi sono unito senza dubitare alla tendenza generale, perché infatti c’era qualcosa che non andava.

Questa reazione va spiegata, prima di tutti a me stesso.

Non mi aspettavo sorprese, perché il film lo avevo già visto, e ho adottato inconsciamente (sottolineato) l’atteggiamento che di solito ho davanti a un’opera lirica: godermi lo spettacolo e lasciar perdere la storia. Riguardo all’opera faccio così perché ritengo che molto spesso le trame operistiche non sono che un collage di eruzioni sentimentali strumentalizzate per giustificare il pathos delle performances musicali.

Dunque, inconsciamente (di nuovo sottolineato) avevo classificato la storia di Hero come qualcosa che non vale la pena di rivisitare. Ma cercando un perché a questa reazione devo ammettere che la struttura narrativa di Hero non mi risulta né banale né sempliciotta. Il problema deve essere un altro. E credo di poterlo individuare nello sfondo, là dove trovano luogo — e protezione — le presupposizioni.

Qualsiasi atto di comunicazione dà luogo a presupposizioni. Non può essere altrimenti giacché è impossibile esplicitare tutto sempre. Le presupposizioni sono gli elementi che i parlanti ritengono non negoziabili e perciò vengono allontanati dal tema (ciò di cui si parla) e confinati nello sfondo (ciò che si dà per scontato). Aldilà delle possibilità di manipolazione retorica di questo fatto, si tratta innanzitutto di qualcosa di naturale.

U. Eco in un suo studio sulla presupposizioni (I limiti dell’interpretazione, 273 ss.) offre come esempio: “Ho accusato Maria di aver comperato un vestito nuovo”. In questo enunciato si invia allo sfondo il concetto “Comperare un vestito nuovo è una cattiva azione” e così resta protetto, escluso dalla contestazione. Cioè, non è che tale concetto non possa essere contestato en assoluto, ma diventa necessario ricorrere a una negazione metalinguistica, vale a dire, bisogna questionare l’insieme dell’atto comunicativo, perché serve un cambiamento di tema. Se uno non è d’accordo con il fatto che comperare un vestito nuovo è una cattiva azione, dovrebbe rifiutare il tema in atto (“cosa ho detto o non detto a Maria?”) e proporre uno nuovo (“Da quando è delitto comperare un vestito?”).

Capire la lettura (o la visione di un film) come un dialogo apre prospettive molto interessanti per la comprensione di tale atto. Nonostante ciò, la lettura è un dialogo particolare, perché la non copresenza di emittente e ricevitore fa impossibile quella continua inversione di ruoli, caratteristica del contesto orale (il ricevitore diventa emittente e viceversa). In conseguenza, il lettore non ha nessuna possibilità di fare una negazione metalinguistica per contestare lo sfondo. Non può assumere il ruolo di emittente per cercar di cambiare il tema, perché non ha davanti a sé l’autore per farlo assumere il ruolo di ricevitore. Il lettore o lo spettatore deve rassegnarsi a andare fino in fondo trascinando con sé i presupposti che il messaggio man mano stabilisce. Se tali presupposti li risultano inaccettabili e simultaneamente sono fondamentali per il sostentamento della trama, si concluderà probabilmente con un rifiuto globale della storia. Credo che nel caso di Hero mi è successo proprio questo.

Il problema dello sfondo di Hero penso che sia stato descritto molto bene dal prof. Malo: la trama ha bisogno di ridurre al minimo la libertà e la dignità delle persone per poter funzionare. Tuttavia non ritengo necessario ipotizzare un complotto per spiegare questa impostazione. Gli elementi dello sfondo hanno a che fare con ciò che si chiama "autore modello" (o implied author), che non è né una persona né un personaggio, ma le traccie della soggettività dell’emittente presenti nel messaggio. Lo sfondo di Hero dipende da una cosmovisione non cristiana all’interno della quale la dignità personale è assai trascurabile. A questo riguardo mi sono ricordati il disagio (di nuovo) che ho provato leggendo la biografia di Mao Tse Tung di Jung Chang (l’autrice di Cigni selvatici). Ciò che più mi ha turbato del libro non sono i misfatti del personaggio, ma la prontezza alla sottomissione al tiranno che si scorge nell'contesto del racconto.

The comments to this entry are closed.

Pontificia Università della Santa Croce


  • apollinare1


    Facoltà di Comunicazione Istituzionale
    Palazzo di Sant'Apollinare
    Piazza di Sant'Apollinare n. 49
    00186 Roma


    PUSC HomeFCI Home

P&C Project:
Experts in humanity


  • The Poetics and Christianity Project is an international forum for studiyng the intersection of artistic culture and expressions of religious faith, with a special emphasis on narrative and dramatic arts. It offers a meeting place for scholars and artist of diverse fields of expertise.

    * * *
    “ For tragedy is an imitation ('mimesis'), not of men, but of an action ('praxeos') and of life, and life consists in action, and its end is a mode of action ('to telos praxeis tis estin'), not a quality. Now character determines men's qualities, but it is by their actions that they are happy or the reverse.”

    [Aristotle’s Poetics, 50 a 16-18]


    “ There is a need for heralds of the Gospel who are experts in humanity, who have a profound knowledge of the heart of present-day man, sharing his joys and hopes, his anguish and sadness, and who are also contemplative souls, in love with God. “

    [Pope John Paul II to the European Council of Bishops' Conferences, 11-10-85]

WELCOME


  • Posts and Comments are here written in English, Italian, Spanish and French.

    Feel free to use anyone of those Languages in writing. Almost everyone of us can read them.

    Our multilingual online work is not a presage of the confusion in a new Tower of Babel.

    The purpose is just the opposite, working on "Poetics & Christianity". Enjoy your stay.

Elsewhere

  • powered-long.gif
Blog powered by Typepad
Member since 08/2003